Archivio mensile:novembre 2010

4.1 milioni di PS Move venduti

La Sony ribatte alle dichiarazioni della Microsoft riportando i dati di mercato dell’ultimo mese. La società ha stimato una vendita di circa 4.1 milioni di PlayStation Move, contro i 2.5 milioni di Kinect della Microsoft. Dati importanti, che dimostrerebbero che gli utenti più affezionati sono ancora quelli Sony.


Il portavoce in conferenza stampa ha ribadito: “the number not only shows clear success of the launch of the new motion sensing controller but also indicates positive momentum going in to the holiday season and to the year 2011.” Che in soldoni vuole farci capire che le vendite dovrebbero comunque progredire su questa scia positiva, soprattutto con l’avvento del periodo natalizio.
Quindi la sfida è aperta. Chi vincerà il premio di vendite nel mese più caldo, quello di dicembre? Lo scopriremo solo col tempo.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

Kinect Great Hacks ep.03

Il terzo episodio parla di un uomo e una donna, tanto folli, quanto geniali. Eccoli nel video, dopo aver realizzato ombre cinesi viventi con OpenKinect.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

2.5 milioni di Kinect venduti in meno di un mese

La Microsoft ha venduto oltre 2 milioni e mezzo di Kinect nel primo mese di distribuzione, praticamente ha battuto il gigante di Cupertino che ha realizzato nei primi due mesi di vendite solo due milioni di iPad.

Non parliamo poi del confronto con i rivali Sony e il PS Move, fermi a meno della metà: un milione.

C’è da dire che il paragone con l’iPad è un po’ fuori luogo. Il device Microsoft non è a sè stante. È infatti una periferica della nota XBox 360… che sia anche la possibilità di utilizzare il dispositivo anche per apparecchiature diverse la potenza di mercato del device elettronico, che sia stato proprio l’OpenKinect ad incrementare le vendite?

Ad ogni modo, novità per novità, il costo del Kinect è comunque inferiore a quello dell’iPad, quasi 1/4 il loro rapporto. E questo, in tempi di crisi, certamente aiuta.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

[BTTP] Il Motorola 68000 {1/4}

Per inaugurare la rubrica BTTP: Branch to the Past, oggi voglio parlarvi della CPU Motorola 68000.

Il Motorola 68000, per gli amici MC68K è un processore CISC (Complex Instruction Set Computer) padre della famiglia dei motorola. Sviluppato sul finire degli anni ’70 è noto non solo per essere stato il processore del primo Mac, ma anche per essere stato utilizzato nei primi Atari.

Si considera un processore abbastanza ortogonale, in quanto supporta buona parte dei modi di indirizzamento conosciuti. Ha come pro l’utilizzo di un linguaggio assembly molto intuitivo, e di istruzioni non troppo lunghe.

Nell’analisi di questo splendido processore ci dedicheremo ad un’analisi dell’aspetto tecnico, mostrando come è composto. Ci dedicheremo poi all’aspetto pratico, dedicato al suo assembler e in un’ultima analisi la gestione delle interruzioni.

Quindi, prima di procedere alla prossima parte, introduciamo un po’ di nozioni fondamentali sulla sua composizione (per grandi linee): il MAR (Memory Address Register) fu troncato a 24 bit, rendendo lo spazio indirizzabile di massimo 16 MB, comunque una gran cifra per l’epoca. La particolarità che lo ha reso così importante fu la capacità di gestire dati di 16/32 bit, ossia era composto da word da 16 bit ma dava la possibilità di gestire 32 bit con due operazioni.

Link articoli: 234

Kinect Great Hacks ep.02

Qui un esempio di come è possibile controllare un robot a distanza grazie al Kinect. Si inizia a vedere qualcosa di utile!

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

Sony, Nikon e SanDisk si alleano per creare Flash Memory più efficienti

Non è nuova la notizia di una probabile collaborazione tra le case giapponesi egemoni nel campo della fotografia digitale. Le prime notizie circa la loro alleanza giungono quasi all’improvviso però. Hanno infatti da poco annunciato la loro intensione a creare Flash Card molto più potenti, sotto il profilo sia delle prestazioni che della memoria.

Il perché di questa scelta deriva dal fatto che le compagnie permetterebbero in tal modo di sviluppare fotocamere capace di effetturare shots più veloci, in esecuzione, con un qualità immagine invidiabile. Tra le anticipazioni c’è la conferma del formato RAW, più ingente del jpeg.

L’efficienza della memoria sarebbe dettata dal fatto che il buffer interno sia molto più veloce del solito. Con una serie costante di clear ad ogni snapshot. Il che implica la possibilità di scattare foto a velocità disarmanti.

Il flusso dati previsto dovrebbe aggirarsi attorno ai 500MBps. Dall’altro lato però, lo storage non sembrerebbe così facile da realizzare, con foto così pesanti la quantità di scatti potrebbe abbassarsi di molto. Per questo la realizzazione non dovrebbe durare poco, anche se Yoko Yasukouchi portavoce della Sony ha detto “Non stiamo parlando di anni“.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

Sharp annuncia il lancio del tablet Galapagos

Sono ora disponibili negli store nipponici alla cifra di 409 € e 559 € rispettivamente per il modello da 5.5 pollici e da 10.8.

Sarà compatibile con la maggior parte dei formati (pdf, xml, html) e dotato del “know-how” sistema nativo Sharp, atto a rendere unica la lettura di un ebook.

Il sistema operativo sarà Android. Per le prime applicazioni dovremo aspettare ancora qualche mese, poiché sarà necessario un aggiornamento dell’OS.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

KompoZer: editor HTML freewere

Vi propongo un ottimo editor HTML multipiattaforma, ossia disponibile sia per sistemi GNU/Linux, che per sistemi WinOS e MacOS. Sto parlando di KompoZer.

L’ho utilizzato per piccoli progetti e devo dire che è veloce, facile da usare, intuitivo e completo. È possibile gestire ogni tipo di feature dedicata alle pagine web. Consente l’utilizzo di JavaScript ed ha un editor che permette le Preview in diretta.

Molto utile e semplice la gestione delle tabelle, la possibilità di gestirne i bordi da programma, senza preoccuparsi troppo del codice. Dall’altro lato è un editor che non macchia! Ossia, non crea inutili appesantimenti di codice che ne rovinerebbero la riproduzione su diversi browser. È quindi comodo per chi va di fretta, o per i principianti, utile per chi ha qualche conoscenza in più e non ha voglia di vedere immagini in posizioni non richieste o stylesheet non a norma.

Comodo.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

Kinect Great Hacks ep.01

Inauguro ufficialmente la prima rubrica del blog, con la quale mi occuperò di riportare le migliori Hacks per Kinect trovate sul web.

È inutile ricordare come sia possibile utilizzare il Kinect come periferica diversa dall’Xbox 360°, quindi arrivo dritto al video.

Qui realizzata una lightsaber grazie al driver OpenKinect ed un Desktop PC GNU/Linux Based. Il simpatico personaggio dai tratti somatici asiatici non ha fatto “altro” che renderizzare una mazza da scopa. Ho trovato molto divertente il momento in cui l’ha presa e quello in cui l’ha posata. Per quanto riguarda l’esibizione, non ha potuto dare il meglio di sè, quindi un 4-.

Facebook Gmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

Metti a posto il tuo desktop con Fences!

Tempo fa ho trovato questo utilissimo software per Windows: Fences di Stardock.

Ero in cerca di qualche programmino leggero capace di semplificare la vita al desktop del mio netbook, ormai pieno di files. Ci incappo quasi per caso, vedo qualche screenshoot, lo installo e lo provo.

La configurazione è elementare, ed è possibile aggiornarla ogni qualvolta lo si desidera. Il programma implementa, oltre i fences (staccionate) che si vedono in figura, anche la possibilità di nascondere tutte le icone del desktop con un doppio click del mouse (tasto sinistro). Oltre alla versione gratuita, esiste una versione a pagamento, che, con 19.9 $ implementa una serie di funzionalità aggiuntive, quali icone organizzate per date di creazione, tipo di file, snapshot automatici del desktop per il recupero file etc.

Ho sempre trovato molte difficoltà con la gestione desktop sotto Windows (cosa che non mi è mai successa con altri OS). Fences può essere la soluzione a questo problema. A mio giudizio chi usa Windows deve utilizzarlo.

FacebookGmail Google Google Buzz MySpace Netlog PDF Stumbleupon Twitter

Social Bookmarking Links

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: